Biopiscine

[cml_media_alt id='188']img_2834[/cml_media_alt]

Cos’è una biopiscina

Una biopiscina è uno specchio d’acqua balneabile, depurato senza l’utilizzo di sostanze chimiche o raggi UV. L’acqua viene trattata e mantenuta sana solo tramite processi biochimici e meccanici.

Come funziona

La depurazione dell’acqua avviene tramite l’azione sinergica di piante, microorganismi e substrati. Il filtro consiste in una zona sommersa piantumata, contigua alla vasca, in cui le piante sono radicate nella ghiaia. Qui si forma una patina biologica (biofilm) che è responsabile dell’eliminazione di sostanze nutrienti ed inquinanti.

Come scegliere

Proponiamo diverse soluzioni a seconda delle  esigenze. Clicca qui per avere una panoramica sulle tipologie di piscine.

Spesso è possibile anche realizzare piscine e laghetti che non necessitano di nessuna componente tecnologica.

A noi piace inserire le biopiscine all’interno di una progettazione integrata ed ecologica della gestione delle acque: ad esempio creando bacini di raccolta dell’acqua piovana da usare per riempire la piscina, oppure utilizzare corsi d’acqua o ristagni già presenti in loco.

Lo spirito con cui realizziamo le biopiscine è quello di ricreare un ecosistema naturale equilibrato, in cui potersi immergere e rilassarsi sentendosi parte di questo.

[cml_media_alt id='189']forteto particolare deck[/cml_media_alt]

Al contrario di quanto si possa pensare, l’acqua di una biopiscina ben progettata risulta limpida e inodore.

Se ben mantenuta e curata, la biopiscina risulta essere un luogo fresco e rilassante da godersi tutto l’anno, perché l’acqua mitiga le temperature ed è un luogo ideale per l’insediamento di diverse specie vegetali ed animali, come rane, tritoni e piccoli uccelli. Sarà come aver creato un piccolo habitat nel proprio giardino.

[cml_media_alt id='187']pianporcino scalinata[/cml_media_alt]

Preventivo

Per un preventivo di massima gratuito, compilate il seguente modulo e forniteci quante più informazioni in vostro possesso. Inviatelo poi per mail.

Clicca qui per accedere al modulo

 

Come scegliere la forma

Non ci sono limiti nella scelta della forma della biopiscina: dalle forme più organiche e naturali a quelle più formali simili alle piscine convenzionali. A titolo di esempio forniamo qui tre modelli principali:

  • Forma organica: zona balneabile e di rigenerazione con curve irregolari, che ricreano l’aspetto di un laghetto naturale. E’ possibile evitare l’uso di cemento. Adatta in zone con restrizioni paesaggistiche.

 

  • Forma ibrida: zona balneabile regolare e zona rigenerativa irregolare. Un misto tra tradizione e natura. Ideale anche per conversione da piscina convenzionale a biopiscina

 

  • Forma convenzionale: zona balneabile e rigenerativa regolari. Per chi ama la tradizione. Ideale nell’inserimento in contesti architettonici formali. Anche in questo caso, ideale per conversioni di piscine esisteniti.

Vantaggi e svantagggi

Rispetto ad una piscina convenzionale la biopiscina:

  • non utilizza nessun tipo di prodotto chimico: l’acqua non è  tossica se ingerita accidentalmente o irritante per occhi e pelle;

  • non va ricoperta d’inverno e la manutenzione si limita alla pulizia del fondo e il controllo delle piante;

  • può essere lasciata “sola” lunghi periodi (ad es per seconde case);

  • l’impianto tecnologico è molto semplice (solo pompe di circolazione) e di facile manutenzione;

  • grazie alla presenza di piante acquatiche l’inserimento paesaggistico è molto piacevole;

  • è un paesaggio acquatico, un posto di sosta e di meditazione nel giardino, spazio vitale per flora e fauna autoctone, una stazione di sosta e di passaggio per uccelli stanziali e migratori;

  • contribuisce anche a migliorare il microclima del luogo;